Pubblicato il 20 mag 2015

Pre Commercial ProcurementCondividere l’approccio  della programmazione 2014-2020 e offrire un quadro di approfondimento sul Pre Commercial Procurement (PCP) nella normativa sui contratti pubblici e, in particolare, in quella riguardante la costituzione del Partenariato Pubblico Privato (PPP). Sono questi gli obiettivi di un seminario dedicato al tema “Il Pre Commercial Procurement nella PA” che si terrà a partire dalle ore 9 di martedì 26 maggio prossimo presso la sala A del Consiglio Regionale della Basilicata a Potenza.

L’incontro, organizzato dall’Autorità di Gestione dei Programmi Operativi FESR Basilicata nell’ambito dello sviluppo della Strategia regionale di Specializzazione Intelligente 2014-2020, vedrà la partecipazione di esperti del settore che illustreranno strumenti, esperienze ed applicazioni concrete dell’appalto pre commerciale.

Di recente, infatti, si è sviluppata a livello europeo e nazionale una consapevolezza crescente del potenziale rappresentato dalla domanda pubblica per beni e servizi innovativi, rispetto all’aumento delle attività di ricerca e sviluppo in un determinato territorio. Tuttavia la qualificazione della domanda pubblica di innovazione non può prescindere da due ordini di questioni. Da un lato è vitale che le decisioni di acquisto della Pubblica Amministrazione siano correlate alle disponibilità del mercato ad acquistare e quindi è necessario progettare gli interventi in modo appropriato. Dall’altro è necessario che si attivino dei processi partecipativi fra Pubblica Amministrazione e fornitori, in modo sia da individuare una domanda effettiva, ma anche soluzioni innovative effettivamente sviluppabili dai fornitori.

La difficoltà consiste tanto nel programmare correttamente le risorse, quanto nel saperle veicolare in modo proficuo.  L’attuale normativa sugli appalti si è dimostrata inefficace per l’acquisto dei servizi di Ricerca e Sviluppo o dei prodotti innovativi a causa dello stesso ciclo di vita dell’innovazione: idea, progetto/soluzione, prototipo, controllo/testing, prodotto e commercializzazione. La Commissione Europea sta mettendo a punto lo strumento per superare lo schema dell’appalto classico, concentrando l’attenzione sulle fasi antecedenti alla commercializzazione, che ricade nel codice degli appalti.

L’appalto pre commerciale, dalle prime applicazioni sperimentali già realizzate, è risultato essere uno strumento idoneo a promuovere e qualificare la domanda di innovazione nel territorio, e un ottimo veicolo di approvvigionamento dell’innovazione da parte di enti pubblici. Per tali ragioni la Regione Basilicata ha deciso, e disposto nella propria Strategia regionale per l’Innovazione e la Specializzazione Intelligente 2014-2020, di adeguare progressivamente le procedure di appalto coerentemente con quanto si sta delineando nello scenario europeo.