• email
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
Stampa pagina
  1. Dal 2004 la Commissione europea avanza un pacchetto di proposte per la nuova politica di coesione 2007/2013
    COM (2004) 492 Pacchetto di proposte di Regolamento della
    Commissione europea
    COM (2005) 299
    COM (2005) 304
  2. Il Consiglio e il Parlamento europeo decidono il bilancio dei Fondi Strutturali e le regole che ne disciplinano l’utilizzo.
    Regolamento (CE) 1083/2006 del Consiglio europeo Regolamento generale recante disposizioni generali sui 3 strumenti finanziari
    (FESR, FSE, FC)

    Regolamento (CE) 1080/2006 del Parlamento europeo Regolamento relativo al Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR)

    Regolamento (CE) 1081/2006 del Parlamento europeo Regolamento relativo al Fondo Sociale Europeo (FSE)

    Regolamento (CE) 1084/2006 del Consiglio europeo Regolamento relativo al Fondo di Coesione (FC)
  3. In collaborazione con gli Stati Membri, la Commissione europea propone gli «Orientamenti strategici comunitari in materia di coesione», per garantire l’adattamento della programmazione degli Stati membri agli obiettivi prioritari dell’Unione europea.
  4. Ogni Stato membro elabora un «Quadro di riferimento strategico nazionale» (QRSN), conforme agli Orientamenti strategici, nell’ambito di un dialogo permanente con la Commissione. Tale quadro definisce la strategia scelta dallo Stato (anche mediante la Programmazione Unitaria) e propone un elenco dei «programmi operativi» che esso intende attuare. L’Italia elabora il suo Quadro Strategico Nazionale (QSN).
  5. La Commissione europea approva il QRSN e i relativi Programmi Operativi (PO), i quali illustrano le priorità dello Stato e/o delle regioni e il mondo in cui esso intende gestire la propria programmazione.
  6. Lo Stato membro e le regioni attuano i programmi, ossia selezionano le migliaia di progetti, li controllano e li valutano. Questo lavoro viene svolto dalle Autorità di Gestione di ciascun Programma Operativo.
  7. La Commissione impegna le spese (per permettere allo Stato di varare i programmi).
  8. La Commissione paga le spese certificate dallo Stato membro.
  9. La Commissione affianca i singoli Stati membri nel processo di sorveglianza di ciascun programma operativo.
  10. Durante l’intero periodo di programmazione 2007-2013, la Commissione e gli Stati membri presentano relazioni strategiche

Approfondimenti